• Comunicato stampa del Dipartimento Sistemi Informatica Università di Firenze
     
    Invito alla Dimostrazione progetto MOODS: Music Object Oriented Distributed System,
    Martedì 22 Settembre, Teatro alla Scala, Milano, ore 16:00

     Il progetto MOODS ha portato alla prima realizzazione a livello mondiale di un sistema integrato di leggii ``Elettronici'' per la gestione delle partiture nelle grandi orchestre, teatri, scuole di musica ed in editoria musicale. MOODS e' un progetto finanziato parzialmente dalla Comunità Europea nell'ambito dell'ESPRIT IV e sfrutta le tecnologie HPCN (High Performance Computer Networking). Fanno parte del consorzio MOODS: il Dipartimento di Sistemi e Informatica dell'Università di Firenze (come coordinatore), il Teatro alla Scala, BMG Ricordi, SHYLOCK Progetti, ELSEL, e la Scuola di Musica di Fiesole.
     La presentazione consisterà nella dimostrazione delle funzionalità del primo prototipo di MOODS che consiste in un sistema di leggii computerizzati che possono essere utilizzati per la manipolazione cooperativa della musica e la sua visualizzazione. Tale prototipo sarà utilizzato da un gruppo di musicisti per eseguire alcuni brani di musica classica da Mozart, Verdi, e Vivaldi.
     La manipolazione cooperativa permette di ridurre drasticamente la durata delle pause delle prove, per concerti, opere e balletti, ed eliminerà la discontinuità delle stesse, eliminando le attese per le partiture e parti corrette che possono essere anche di giorni. Tutti i simboli di interpretazione e strumentali possono essere inseriti dagli orchestrali e salvati per un futuro utilizzo. In questo modo le singole interpretazioni potranno essere salvate e rianalizzate in futuro, nonché riproposte per l'esecuzione. Anche le classi di musica possono trarre vantaggio da un tale sistema, i singoli studenti possono interagire sulla partitura vedendo in tempo reale le modifiche del Maestro e degli altri studenti. Le case editrici possono finalmente inviare direttamente ai teatri versioni elettroniche delle parti e partiture che potranno essere visualizzate in tempo reale sui leggii degli orchestrali. Potranno inoltre, con il sistema stesso, correggere in modo cooperativo le parti riducendo i tempi di produzione. Partitura e parti possono venire divise ed unite in tempo reale per comporre in pochi secondi la struttura dell'orchestra desiderata.
     Dopo la fase di modifica/aggiustamento della musica il sistema rende disponibile la musica per l'esecuzione all'orchestra. In questa fase, MOODS presenta le pagine di musica al direttore ed ai singoli orchestrali in modo automatico eliminando il problema delle voltate di pagina. Ovviamente, al direttore viene fornita una visione direttoriale della partitura mentre ai singoli orchestrali solo la loro parte.
     La prego pertanto di accettare l'invito che Le porgo a nome di tutti i partner del consorzio.
    Paolo Nesi
    (Coordinatore progetto/consorzio MOODS)